To Do !

La serpentine Gallery: uno tra gli eventi piu’ attesi dell’estate londinese, oltre che uno dei siti piu’ visitati dagli appassionati di architettura e design. L’iniziativa della Serpentine Gallery compie 15 anni edal 26 giugno ha aperto il nuovo padiglione, disegnato dal duo spagnolo Selgascano, una struttura poligonale, costruita con pannelli di etilene tetrafluoroetilene (ETFE), avvolti da cinghie multicolore.
Per i visitatori sara’ come vedere l’architettura attraverso semplici elementi: struttura, luce, trasparenza, ombre, leggerezza, forma, sensibilita’, cambiamento, sorpresa, colore e materiali.

h_46511_01b_730_0ff908d8-2271-4ffa-b70f-27dc45673d59b_730_548f5665-8e79-4a09-930b-ecc0d428036b

Arte musica grafica…

Yellow….Arte……beh : Heinz Edelmann!!!
avete capito?
….insomma YELLOW SUBMARINE !!!!

L’ abbinamento di immagini filmate a brani musicali ha ottenuto una diffusione mondiale a partire dagli anni 80, con la nascita di MTV, eppure se si ricerca con attenzione ci si rende conto che il “videoclip” o “promotional video” ha origini ben più vecchie… Forme più vicine al videoclip contemporaneo vengono realizzate da registi di fama dalla fine degli anni sessanta: The Beatles per fronteggiare la continua richiesta delle loro apparizioni in giro per il mondo per promuovere i nuovi singoli, realizzarono dei video, col tempo sempre piu’ particolari e fantasiosi, che venivano trasmessi dalle Tv o dai programmi televisivi. I Beatles arrivarono anche a fare diversi film come promozione, primo fra tutti il film “Yellow Submarine” diretto da George Dunning uscito nel 1968.
La trama è piuttosto strampalata, o meglio eclettica, e non rappresenta certo uno dei punti di forza della pellicola. Quello che fa invece di “Yellow submarine” un’opera meritevole quantomeno di una visione è il suo carico di invenzioni grafiche, frutto del talento dell’animatore tedesco Heinz Edelmann, che dà vita a psichedelici scenari che si rifanno alla pop-art ed al surrealismo
Parla di un paese Pepperland, che si trova in fondo all’oceano,dove regnano la musica, i colori, i fiori, l’allegria e l’amore, che viene attaccata dai Biechi Blu in realtà Paul McCartney ammise più volte che fu influenzata da quello che talvolta Ringo diceva quando Paul, John e Ringo assumevano insieme LSD e/o Marijuana il risultato insomma di un’allucinazione!

Yellow_Submarine_by_damianagalangal Yellow-Submarine-print-25-768x1024 New dreww Apple_logo_CMYK_with_path_smal yellowsubmarine070612wyell_sub_1 1359642631474021095

New dreww Apple_logo_CMYK_with_path_smal

La stampa 3D

Evoluzione della stampa 2d, la stampa 3d utilizza diverse  tecnologie per stampare, le loro differenze principali riguardano il modo in cui sono stampati gli strati.(Alcuni metodi usano materiali che si fondono o si ammorbidiscono per produrre gli strati, altri depongono materiali liquidi che sono fatti indurire con tecnologie diverse) .Si può stampare una copia di un oggetto reale (fac simile), utilizzando uno scanner 3d , oppure se ne stampa uno nuovo precedentemente  modellato in CAD (Computer Aided Design).

3D-Printer-Materials13d-Printing-by-Freedom-of-Creation-Monarch-StoolsJoris-Laarman-MX3D-3D-printed-bridge-visualisation-park-square

Non solo oggetti:

-Il Design Studio Nervous System ha creato un procedimento stampa da cui si ottengono tessuti, ecco che partendo da un modello disegnato su CAD si ottiene un abito stampato che si muove ed ondeggia come un vero tessuto.

16_3d-printing-lede-bIris-van-Herpen-Spring-Summer-20153dprint e magnetsFlames_Zaha-Hadid_United-Nude-shoes_Milan-2015_dezeen_468_1 Francis_Bitonti_Molecule_3D_printed_shoes_dezeen_468c_0 Lost-Luggage-by-Janne-Kytannen_dezeen_468_sq

-L’americana 3D SISTEMS produce stampanti per prodotti commestibili

3d-systems-printed-sugar

Insomma la stampa tridimensionale ha portato innovazione nei processi produttivi (che ancora però non capisco  se siano migliorativi o meno) , ci fa giocare permettendoci di realizzare dei piccoli oggetti modellati da noi in CAD con una stampante 3D domenstica, ma veramente interessante è quello che sta facendo nel campo medico:

OsteoidCast_2895600b

con Osteoid la sostituzione del gesso che consente una guarigione 40% più veloce dell’osso fratturato (disegnato dall’ industrial designer turco Deniz Karasahin )

e quello che farà nell’immediato futuro: la produzione di tessuti umani che potranno essere utilizzate dalle imprese farmaceutiche e cosmetiche per realizzare prove sulla tossicità di alcuni farmaci o cosmetici. L’obiettivo è meraviglioso : sostituirli alla sperimentazione animale nei test clinici !

Giallo

Yellow

Giugno, colore del mese : GIALLO !

Fresco ed acerbo in primavera, quando ancora profuma di lime, si fa più rovente ed assoluto in estate, fino ad assumere la dolcezza piena dei frutti tardivi in settembre ed arrivare all’arancio dell’autunno..

Il colore del sole,mette di buon umore e da energia, è friendly con gli ospiti, mette appetito e voglia di stare assieme, perfetto dunque per l’ingresso, cucina ed area living.

IMG_1372 IMG_1380 IMG_1369

Può essere usato per attirare l’attenzione su un dettaglio oppure diffonderlo a tutto campo per stupire.

Le sue controparti ideali sono il nero, caffè , il grigio asfalto..

IMG_1399 IMG_1346

Patricia Urquiola

Mese di maggio mese rosa.. parliamo allora di quote rosa nel mondo del design,una signora dal gusto elegante che merita un post : Patricia Urquiola .

Di origini spagnole ma di formazione italiana, si è laureata nel 1989 allieva di architetti del calibro di Achille Castiglioni e Vico Magistretti ,nel 2001 apre un proprio studio a Milano ed in poco tempo diventa “la donna più corteggiata dall’industria del design mondiale” collabora con decine di aziende (tra cui Agape, Flos, Moroso, Molteni, B&B, Kartell  solo per citarne alcune) ed alcuni suoi prodotti sono esposti nelle collezioni permanenti del MoMa di New York ed in altri musei di arte moderna.
Non elenco i moltissimi premi che ha ricevuto, preferisco mettere una carrellata di immagini di alcuni ( veramente una piccola parte)  dei suoi prodotti dove traspare la sua capacità di coniugare bellezza confort ed eleganza. 
IMG_1291IMG_1296IMG_1290IMG_1302IMG_1293IMG_1304OUT-18IMG_1305vieques-lavabo-colonna-01-hVIEQUES_VIEQUES_XSceramica MUTINAb&b

The Great Exhibition

CristalPalace1

La prima esposizione universale è stata a Londra nel 1851 con la Great Exhibition.

C’erano già state esposizioni (la prima tra tutte Parigi nel 1798) ma questa fu la prima Universale, viene chiamato a partecipare tutto il mondo, furono circa 14mila tra espositori, compratori e chi voleva capire e conoscere le nuove tecniche industriali.
Fu costruita una struttura per l’occasione: il Cristal Palace .
Una struttura in vetro e metallo che assomigliava ad una grande serra, disegnata da Paxton che era infatti il realizzatore di serre per la regina Vittoria. Struttura neoclassica per la presenza di archi, ma per la trasparenza e la standardizzazione dei moduli è estremamente innovativa. E’ il primo prefabbricato della storia dell’architettura!
Purtroppo del Cristal palace abbiamo solo disegni e rarissime foto poiché durante la seconda gurerra mondiale fu smontato perché troppo visibile ai bombardieri e il metallo fu fuso per costruire armi.

CristalPalace2

un allestimento vintage

Una nuova sfida:

un nuovo allestimento per la BIMITEX, quest’anno il tema sono gli anni ’80, e poi c’è un video , il video di Tread girato con ironia e professionalità ed il nuovo sito www.bimitex.it .

Tutto parte dal video e l’idea dell’allestimento nasce, cresce e si definisce talmente fluido che quando lo disegniamo capiamo che solo così poteva essere.

Così scoviamo sedie da cinema vintage, pellicole e “pizze”, locandine dei cult che si mescolano con quella di Tread , un carretto dei popcorn, tende rosse, ciack, cordoni, red carpet e persino le stelle per il Walk of Fame.

Processed with Moldiv

Al piano di sopra la mostra, i tessuti sugli stand disegnati per Bimitex lo scorso anno, abbiamo utilizzato il plexiglas perché solo i tessuti fossero protagonisti illuminati dalle trasparenze , quasi sospesi

Processed with Moldiv

Pallets loft

Pallets

Vi segnalo un progetto realizzato utilizzando sia in cucina che in bagno i pallets ,è un loft “pallets loft” appunto , realizzato dallo studio q-bic di Firenze.Intervento di recupero del sottotetto di un edificio industriale ottocentesco, situato ai margini del centro storico di Firenze.

Pallets2pallet3

La Bergère

10959690_815540265184083_3014339161956391592_n

La Bergère , poltrona imbottita con poggiatesta, chiamata anche “poltrona con le orecchie”
La sua antenata nasce alla corte di LuigiXV , elemento clou dell’arredo per più di 200 anni , si è evoluta mantenendo inalterato il suo fascino.
Le prime bergère in italia vengono prodotte negli anni ’20 da Poltrona Frau. Nel ’39 Franco Albini ne disegna la sua interpretazione messa poi in produzione da Arflex nel ’52. Nel ’44 Carlo Mollino ne disegna una per Zanotta che si ispira al corpo femminile, le sue gambe posteriori sembrano tacchi. Nel ’69 Gaetano Pesce la interpreta attraverso la pop art, una donna con la palla al piede morbida e rotonda.
Altri designer hanno dato la loro interpretazione della bergère , Paolo Rizzato ( 2009 disegna Regina che si trasforma in chaise longue), Patricia Urquiola, Kita…..

10384305_815540868517356_427984999478506095_n

La Bergère più nota, la più amata dai big del design è la EGG chair di Arne Jacobsen , prodotta da Fritz Hansen ,disegnata nel 1958 per il Royal Hotel sas di Copenhagen (oggi Radison Blu Royal Hotel) per la camera 606 dove l’architetto danese progetta tutto l’arredo .La egg chair ha una forma organica, ma la base in metallo (alluminio pressofuso) dunque più bauhaus, più tecnica, dello stesso anno la swan (cigno) sempre molto organica ed elegante, per la camera 606 disegna anche la drop chair , una goccia contenuta, minimale , un gioiellino .

In giro per il Fuorisalone 2015

Forisalone'15

Quest’anno ahimè non mi sono immersa nella design week, mi sono dovuta accontentare di un daily, riducendo una settimana in 7ore di full immersion.

Non crediate sia stata una passeggiata, prima di tutto trovare l’essenziale da vedere ( scrematura non semplice) poi, riuscire a fare tutto quello con cura certosina pianificato. 

Alla fine però siamo riusciti (io e il mio amico ed architetto Paolo) a fare l’impossibile: zone Brera e Tortona . Come due drogati marciavamo da un istallazione all’altra in cerca di novità,ispirazioni, emozioni, allo scadere della sesta ora però la marcia serrata si era trasformata in una scomposta e claudicante camminata disperata accompagnata da un sommesso lamento di “ohi ..ahi …i piedi…il ginocchio…” ma con promessa solenne stipulata con il sangue :”prossimo anno si ritorna al vecchio sistema dei 4 giorni!!!” 

Non posso dire di essere stata al salone quest’anno (anche perché Rho non l’ho vista neppure con il binocolo) ma meglio di nulla una assaggio di questa magica atmosfera lo abbiamo avuto, ed un assaggio lo offro anche a voi con questi scatti rubati per le strade dei design districts 

 few shotsProcessed with Moldiv

7 second of rest